Novelle

Il tassista

Stamane, ne ho avuto la conferma.
Nella vita bisogna scegliere se esser passeggeri o tassisti, se si preferisce stare alla guida, o di dietro.
Viaggiare per condurre a partenze, riflette in sè uno strano senso di disperazione. Vagabondaggio, per meglio dire.
Il conducente, diviene spugna e inspiegabilmente, soffre anch’egli. O gioisce.
Rientra a casa dopo un viaggio nella città che altri hanno visitato ma trasuda, tuttavia, stanchezza.
“Ma che, lavoro è il tuo?! Sei stato tutto il giorno in giro, col culo appicciato al sedile!”.
E’ vero.
Ma tolti gli indumenti, sfilata la camicia, c’è puzza di sudore, e profumi.
Essenze di paesi lontani, incollatisi addosso.
C’è poco da fare: ha viaggiato ed è stanco.
L’unica soddisfazione è il domani: un altro viaggio, un’altra sudata, un’altra doccia.

Non sopporterei nemmeno un secondo, un passeggero alle mie spalle.
Non sono nato per fare il tassista ma, amico mio, qualcuno ci deve pur accompagnare. Te lo devi cercare.
Da soli sarebbe difficile esser puntuali, ma se ti soffiano il taxi all’ultimo istante, imprechi contro il tizio che s’è rubato il passaggio.
Un altro passeggero come te.

Da che parte stai?
Sono ancora qui col mio trolley.
Qualcuno prima o poi passerà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...