Novelle

Il sorpasso e il cambio in ‘folle’.

E comincia il tuo giro, quando meno te l’aspetti.
Con l’auto, non è ci fai grandi viaggi, ma stavolta ti tocca, perché al collaudo, conti ancora pochi chilometri. Tanto vale che ti rottami.
O ti metti in viaggio.

Sali a bordo, amico. Accomodati. Guarda avanti e respira.
C’è strada da macinare e mente da svuotare.
Una vita da riempire con destinazione prossima.

C’è riserva piena, un’abbondanza di vuoto. Lampeggia di rosso il led delle energie: ti tocca anche fare il pieno, santo iddio. Senza gasolio, a corto di gas, non vai da nessuna parte.
Stessa direzione.
Contro mano nelle volontà inette e allora sì, che il viaggio comincia.
Questa vita la paghiamo a rate, un mutuo temporale nel quale raccogliamo gli interessi, perché se essa è un dono, allora pagare e incassare, ha la stessa valenza. A caval donato non si contano i denti, così che masticare non diventi un’impresa.
Quando hai fame, non conti i denti : rosicchi ciò che puoi, senza fermati, con quei pochi che ti sono rimasti. E non resti mai digiuno.

Tanta gente affolla l’asfalto, ne copre ogni metro quadro e tu, amico, devi trovare il tuo spazio.
Una zona in cui poter viaggiare: fermi non si può stare. Sennò ti fai male. Molto.
Capiterà di accelerare, a volte rallentare, ma il sorpasso, amico è la tua unica salvezza.
Non affiancarti ai lenti: procedi col tuo passo.
Non rincorrer i veloci: procedi sempre col tuo passo.
Quando sei pronto, respira, guarda il tuo obiettivo e schiaccia l’acceleratore: tira dritto e non voltarti, non pensare, non mortificarti per chi lasci indietro. È solo il tuo momento.

Sia in curva che in rettilineo, considera il percorso.
Non abbandonarti in superflue peregrinazioni mentali.
Se deceleri, scala.
Se acceleri, ingrana.
Non lasciarti a ‘folle’, perché vivrai di singhiozzi.
Ricorda la marcia e segui il flusso che la strada ti offre.
Modula sentimento e azione.

Un auto in ‘folle’ è un auto senz’anima: puoi solo spingerla a mano verso il prossimo dirupo.
Guardarla dal basso, non può che lasciarti a piedi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...