Novelle

In una bolla di sapone

Quando galleggio in una bolla si sapone, spesso ho l’impressione che prima o poi possa affondare. Mi muovo con lentezza e senza far rumore per timore che l’equilibrio delle particelle intorno a me diventi aria insaponata. Ed è il peggior panorama che possa permettermi.

E poi annaspo e questa è molto più di una fottuta impressione. D’un tratto si posano addosso, residui di materia protettiva, scoppiata a mia insaputa. Mi ritrovo sperduto in un pezzo di mare che ho solo visto attraverso il fluido delle paure, una barriere sottile che mi separa dalle schiume ondose e mi sostiene per tutta la durata del viaggio. Il vigore ingabbiato nella palla di sapone, diviene terrore. C’è schiuma e schiuma.

Quando imparerò a nuotare per bene, saprò che c’è il vento di maestrale e quello di scirocco. Per esempio. Magari potrei imparare a reggermi a galla, senza aspettare che il tempo si rassereni. Magari potrei sentire che rumore fa il mare e quanti segreti nasconde nel profondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...