Novelle

Non sprecare questo momento. Non far nulla

Adesso prendi quell’istante in cui siete a letto, teneramente abbracciati, un po’ stanchi. Prendi il momento in cui vi guardate e appena sorridete. Sostieni appena sulle labbra un “buonanotte amore…”. Prendi queste briciole del giorno che restano e versale dolcemente nella stanza come profumo, perché a breve arriverà il momento in cui non potrai far nulla. Non devi.

Lei socchiude gli occhi, ma tu resti a guardare, e vedi …

… palpebre che tremano, rapite da immagini che non puoi conoscere; gote che si deformano su di un viso rilassato; labbra che sospirano i primi riflessi di sogni, quasi a invocarli. Vedi il suo corpo stretto in un abbraccio di notte, le braccia che scendono leggere e mani appena pesanti. Poi uno spasmo, un sussulto. La smorfia che sul volto si disegna, ti fa sorridere, perché è ancora più bella, la tua donna. Il suo è un lamento misterioso e inconscio, chissà cosa sta vedendo ora, lontana dalla realtà. Potresti far qualcosa e dirle “E’ tutto ok, amore … tranquilla”, un po’ le accarezzi la mano che ti sfiora il petto, ma lei si ribella. Non lo sa, ma si ribella. E’ vittima del sogno, non ti conosce, non sta cercando te. Quindi, non toccarla. Potresti spaventarla. Non devi osare, non cercare nulla che possa far giungere affetto, perché ora, non sa chi sei. Rapita così, legata alle riflessioni dell’inconscio, continua la sua lotta: adesso anche le gambe si ribellano cercando una via d’uscita. Uno scatto, pare un calcio. Poi un sibilo fugge dalle labbra, come di dolore. Sei lì e vuoi proteggerla, nascondere quelle contrazioni e conciliare una pace col suo corpo, il viso teso in attimi di paura. Perché è quel che vedi. Ma è solo tensione che si scarica. Non far nulla, non svegliarla, non toccarla. Lasciala andare pian piano e scivolare nella notte, è comunque accanto a te.

Questo è l’unico istante in cui non devi preoccuparti. Hai il privilegio di non essere il meglio, puoi crogiolarti nell’umanità dell’uomo incompleto che sei. Piuttosto rinnova le forze. Un nuovo giorno presto arriverà e non avrai scuse. Ora, come due sconosciuti, l’uno accanto all’altra, sei obbligato a star fermo, non fare niente per lei che è la tua donna. Al risveglio, non ci saranno giustificazioni che potranno redimerti: dovrai far tutto quello che serve per ricondurla ancora una volta, ad una notte di coppia, una notte di sogni vicini, in un letto che possa sostenere il peso delle vostre anime pesanti di affetto e intese.

Non sprecare questo momento. Non far nulla. Perché è l’unico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...