Letture

La speranza passa solo se crediamo in qualcosa. E come una cosa e l’altra, credo che non possa essere tutto qui (Quel che i lettori dicono su ‘Come una cosa e l’altra’).

90-276-thickbox

“La speranza passa solo se crediamo in qualcosa. Io, mio malgrado, ci credo. E come una cosa e l’altra, credo che non possa essere tutto qui”. Questo è il salto nel buio, in qualcosa di nuovo che destabilizza, che Tonio uno dei protagonisti intraprende dopo aver compreso la vera essenza della solitudine, quel pieno di vuoto che ti accompagna sempre e comunque anche se si è in uno spazio delimitato dai contorni di un tavolo con una compagnia di ragazzi e ragazze. Amara rassegnazione che nel gruppo crea uno squarcio di separazione in quel luogo che sanciva invece parole, compagnia, piccole questioni e amicizia e che nel suo denominarsi “Momento Stupendo”, presagiva l’essenza dell’incontro- scontro tra realtà differenti, nonostante il loro prendersi per mano, avesse creato l’intesa perfetta del camminare insieme e del saper condividere spazi e vita. Tonio però crede ancora nella speranza, quella speranza che lo porta a pensare un nuovo “Momento Stupendo”, in una nuova vicinanza che permette di essere insieme e sentirsi importanti: ciò che conta nel percorso di vita non è vincere o perdere bensì “poter lanciare una sfida ed esser certi che questa venga accolta”. La sfida di Tonio diventa allora l’impegno, quel senso di volontà e di accettazione dell’altro che permette di scrollarsi di dosso il vuoto di cui si è prigionieri e di capire realmente ciò che siamo, di svelare la vera natura umana. Il valore dello stare insieme e del condividere si colora adesso di nuove sfumature che rendono ogni piccola cosa un valore da custodire e ogni singolo giorno un “Momento Perfetto”.

Il racconto scorrevole e piacevole abbraccia in un calore di fondo e permette al lettore di rivivere la propria quotidianità, il proprio “Momento Stupendo” quotidiano e di rileggerlo criticamente in ogni suo aspetto per fare del proprio oggi una solida base di un domani meno vuoto e meno solo, ma più ricco di umanità e di splendore: la speranza di coltivare sempre un “Momento Stupendo” dietro l’angolo!

(Akira)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...