Novelle

Il piatto della bilancia

Mi piace l’idea di essere l’ago dei una bilancia in certe situazioni specie se, chi s’accomoda sul vassoio basculante, vale poco o nulla. Con quanta energia possa dirigermi oltre lo start, continuo a stazionare intorno allo zero, o giù di lì. Così accade per le per-sone. Intendo quelle che personano, che parlano e si muovono attraverso una maschera e soprattutto seguendo una specie di copione. Il loro agire ha poco peso, perché è commedia. Intrattenimento.

E’ il genere di situazioni che adoro. Quando voglio perder tempo.

Tuttavia succede che me ne dimentichi e oscillo tra credibilità e fiducia: trasporto il piatto della bilancia con delicatezza, per non rovesciare il contenuto, lo accolgo tra le mani e lo espongo sul piedistallo delle “Certezze”. Poi mi accorgo dell’errore e ripongo in piatto al suo posto. Ho solo perso tempo e poche energie: un piatto vuoto è pur sempre affare di poco conto, un peso vuoto. Dar troppo peso alla situazione varrebbe un bel peso ideale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...