Novelle

Esprimendo virgole.

mimo3

Di quel che la gente dice raccolgo solo strane virgole, poste di tanto in tanto sul soffitto del pensiero. Esse, come suono sordo di un’appendice, nascono senza magia e sentimento, sopravvivendo al discorso con respiri e contrazioni. A volte è solo un condimento, altre un sospirare che rompe l’intercalare, ma spesso senza volerlo, divengono l’espressione del cervello. Dal soffitto del pensiero si fanno spazio, si intrufolano con affanno tra le scale di una congettura e scendono non sul palato, né sul foglio, ma su occhi, labbra e naso.

Ho imparato a leggere anche virgole, perché son pause naturali e incondizionate: sono la voce della coscienza, l’espressione della verità. Una virgola non parla, si esprime. Occhi, labbra, naso. Esprimendo virgole, il corpo si scompone dinanzi a una bugia. E tante parole non raccontano per forza verità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...