Novelle

Come tutte le sere.

marty.

Tutto ciò che fu in grado di insegnarmi, si poteva nascondere nell’angolo di strada che vedeva i nostri “A domani…”: era solo idea di intimità. Nient’altro che una finestra da spalancare per pochi istanti, senza sapere dove davvero guardare perché certe altezze davano i brividi e spesso, procuravano vertigini. Tornavo a casa, come tutte le sere, col sapore sulle labbra di un profumo, una fragranza che non volevo lavarmi di dosso. Poi sognavo, come tutte le sere, quell’incontro di secondi, frazioni che, l’indomani, sarebbero giunte galoppando con la voracità di chi non ha fame di carne, ma desiderio di gustare tutto sino alla fine. Poco per volta, come tutte le sere.
Sarà stata certo l’incoscienza o l’ignoranza, ma sapere tante cose a volte, non offre lo stimolo di nuove scoperte.
Chi si è battuto per amore, chi da esso è stato vinto è solo reduce di un’esperienza da svelare. Poco per volta.
Da allora, quel che ho imparato dall’amore è che non si vi sono insegnamenti o princìpi perché il cuore non è maestro ma discepolo distratto da condurre a saggezza: impara poco per volta e spesso dimentica, solo perché ha voglia di stupirsi ancora, come un bambino ai primi anni di scuola.

Come tutte le sere, sogno ancora quella finestra da spalancare, quella fame di gusto, quel profumo sulle labbra. E’ tutto ciò che l’amore mia insegnato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...