Novelle

Tra le onde.

25e87b9191305049fdc1631a407b642a

Il faro dietro la finestra si burla del buio e delle onde, offre ai naviganti un pezzo di cielo in burrasca, tra schiuma e fasci di luna. A ritmo lento e gradevole, si gioca l’intera notte: il marinaio allinea lo sguardo, seguendo quella giostra in mezzo al mare, trattenendo la paura e attendendo uno squarcio di luce che calmerà il respiro.
Affronterà la tempesta quando verrà, poco per volta, a fasci di luce, spicchio dopo spicchio, perché tanto tutta insieme, non saprebbe governarla.
Così l’amore come il faro gioca, tra il grecale e il libeccio, non c’è stagione in cui si spenga. E poco per volta ci guida, mordendo a fette il mare, le onde, il turbine e la paura. Rendiamogli lo sguardo, perché ci spieghi come soffiare sulle onde, come allontanarle, come affondarle.
Non guardare il mare, navigante. Non le onde.
Fissa il faro tra le onde e come esse alla fine, si ritraggono sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...