Novelle

Il Prestigiatore

Jes camminava sempre con una mano in tasca, trattenendo monetine con le quali giocherellava. Se si fermava a parlare con qualcuno allora, infossava anche l’altra mano, distraendo l’interlocutore con discorsi tanto allegri quanto sostenuti. Poi riprendeva la sua strada cacciando fuori un respiro e la mano di troppo .

Sotto coperta si infilava quando dormiva, chiudendo in brevi anfratti i singhiozzi e i pensieri di quando se ne sarebbe stato di nuovo in piedi e in bella mostra. I sogni della gente viaggiano su binari per ritardatari – pensava – soffermandosi ad intrattenere chiacchiere e mormorii. I bisogni in genere, stanno sempre ad aspettare, invece – concludeva fra sè.
Con i sogni ci fai l’amore e come il peggiore degli amanti, li abbandoni al risveglio. Non ci starai mai davvero insieme.
I bisogni a volte ti maltrattano, lasciandoti insonne e sotto coperta. È con questi che devi passarci il resto della vita senza farti troppo male, nascondendoli ai sognatori per non farteli rubare.
Con le monetine sognava di far il prestigiatore, con la mano libera di far sorridere bambini. In un circo.
Gli interlocutori con i quali si soffermava mai avrebbero pensato di essere vittime di un scherzo: con la mano libera nella tasca, sapeva far magie. Un braccio finto e una giacca studiata su misura, liberavano un trucco ben più geniale del prestigiatore stesso: riusciva a far spuntare fiori da ogni occhiello con un semplice meccanismo nascondo in fondo alla tasca, quella della mano libera, senza che l’interlocutore se ne avvedesse per davvero.
Rapiti come interlocutori dalla grande Magia, scambiamo tasche di sogni e bisogni: seppur vicine e simili, occorre distinguerle, setacciarle per bene, per comprendere cosa ci sia di buono in fondo a esse.
Finzione o realtà.
Jes si allenava coi sogni, con le sue monetine senza comprarli, solo per renderli veri e non sgualdrine da usare al momento del bisogno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...