Rassegna stampa

“Giallo e cucina” e i consigli di lettura: recensione di ‘Nessuno ti chiama per nome’



Recensione a cura di Mariagrazia Talarico

L’autodescrizione di un adolescente di nome Carmine, alla ricerca di  Sashi, una sua coetanea, il romanzo prende così la via dell’investigazione. Diventare grandi per  Carmine è una scoperta e una ricerca. Infatti grazie al suo istinto inizia a cercare la piccola zingara lontano dai pregiudizi degli adulti e questo lo farà diventare una persona che non si lascia condizionare e credere in se stessa, soprattutto nei propri valori.

Una scrittura asciutta e ricca di dialoghi, per rendere ancora più interessanti le voci dei vari personaggi, vengono riportate frasi anche in dialetto e a fine pagina la traduzione.

Si entra così nel vivo della storia catapultati dalla realtà che esprimono i personaggi di Occhiogrosso con maestria.

Una lettura piacevole per chi vuole addentrarsi a piccoli passi  nel mondo del giallo accompagnati dal ragazzino Carmine che mostra maturità e ingegno, e soprattutto detiene  uno sguardo attento alla multiculturalità fatto reale del nostro presente. Un libro per ragazzi e adulti che porta a comprendere il valore dell’uguaglianza dei diritti anche nella diversità socioculturale ed  economica.

Leggi l’articolo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...