Novelle

Sulla carta e sulla pelle.

Logorroica era la voglia di starti sulla pelle e annusare quel filo di respiro che trattenevi per gioco, in silenzio. Ti avrei parlato all’infinito intorno agli occhi, per vedere se ero capace di apostrofarli come facevi tu, quando ammiccavi; ti avrei sussurrato sulle gote scioccherie, per vederle arrossire, perché quando ridevi, le tue labbra carnose… Continue reading Sulla carta e sulla pelle.

Novelle

C’è poco da aggiungere.

(Sono entrato in doccia coi calzini.) Mi son sentito sporco.      Senza parole. Nient’altro da aggiungere. (Non me li sono sfilati, erano troppo bagnati.) Barcollavo: la terra mi scivolava sotto i piedi.      Senza parole. Nient’altro da aggiungere. (Considerato che mi sentivo un idiota, ho chiuso l’acqua e ho messo da parte la spugna.) Ho… Continue reading C’è poco da aggiungere.

Novelle

La coscienza storica

In questa fase ‘epica’ della storia italiana, davvero non si sa dove volgere lo sguardo nell’attesa che qualcosa accada. Qualcosa di positivo, intendo. Le certezze a cui non siamo mai stati abituati, una volta forse non erano un problema, una priorità insomma. Tutto ad un tratto, siamo assetati di sicurezze, verità, risposte, stabili congetture e… Continue reading La coscienza storica